Metti l’aceto in lavastoviglie? Non farlo! Ecco perché

Tieni l’aceto fuori dalla tua lavastoviglie. Ci ringrazierai più tardi.

Può sembrare una buona idea mettere l’aceto nello scomparto del brillantante della lavastoviglie per mantenere i tuoi piatti immacolati, ma non lo è. Mentre l’aceto bianco è un detergente che può sicuramente dare ai tuoi piatti la brillantezza desiderata, può anche rovinare la tua lavastoviglie.

Sì, capiamo che l’aceto è molto più economico del brillantante. Tuttavia, vuoi davvero rischiare di buttare via la tua lavastoviglie?

Continua a leggere per scoprire perché non dovresti usare l’aceto come brillantante. Se sei deciso a usarlo comunque, ti diremo il metodo migliore per non rovinare la tua lavastoviglie.

L’aceto bianco può distruggere la tua lavastoviglie

L’aceto bianco è ottimo per la pulizia quotidiana, dal disintasamento del lavello della cucina alla pulizia del soffione. È anche ottimo per rimuovere le macchie di acqua dura sui tuoi piatti. Ma ci sono alcuni posti a cui semplicemente non appartiene, e lo scomparto del brillantante della lavastoviglie è uno di questi.

L’aceto distillato bianco è un acido con un pH compreso tra 2 e 3. In confronto, l’acido solforico, che distrugge molte sostanze con cui viene a contatto, ha un pH di circa 1.

Quindi, tieni presente che l’aceto può rompere le guarnizioni di gomma e i tubi flessibili della lavastoviglie, causando costosi danni. Inoltre, se l’aceto si mescola con il sale che è stato lasciato sui tuoi piatti, può scolorire pentole di metallo, posate e ciotole.

In conclusione: non usare l’aceto come brillantante, piuttosto ti consigliamo di utilizzare brillantanti progettati per essere utilizzati in lavastoviglie, ad esempio Finish o Pril. Anche se possono contenere aceto, l’acidità è abbastanza bassa da non danneggiare la lavastoviglie o i piatti.

Se devi usare l’aceto, fai così

Se sei ancora deciso a usare l’aceto in lavastoviglie, puoi, ma non metterlo nel dispenser del brillantante. Invece, segui queste regole per pulire i tuoi piatti in lavastoviglie con aceto per causare il minor danno possibile.

  • Usa l’aceto bianco con l’acidità più bassa possibile. La maggior parte ha un’acidità del 6%, ma se puoi, prova a trovare il 5%. Questa è la concentrazione più bassa di acidità per l’aceto bianco domestico e causerà il minor danno.
  • Versa l’aceto sul fondo della lavastoviglie in modo che sia diluito con l’acqua.
  • Ancora meglio, versa una tazza di aceto in una ciotola e posizionala nel cestello inferiore della lavastoviglie.

Posso pulire la lavastoviglie con aceto? Se devi togliere quella tremenda puzza dal tuo elettrodomestico preferito, puoi usare l’aceto per lavare la lavastoviglie. Tieni presente alcune accortezze (non usarne troppo e non metterlo al posto del brillantante).

Come prevenire le macchie d’acqua sui tuoi piatti

Se stai usando un brillantante o aceto e noti ancora macchie d’acqua o altri segni sui tuoi piatti, c’è un altro problema. È probabile che tu abbia acqua dura e dovrai investire in un sistema di addolcimento dell’acqua.

L’acqua è considerata “dura” se contiene alti livelli di composti disciolti di magnesio e calcio, che causano l’accumulo di minerali su stoviglie, rubinetti e vasca da bagno. Gli addolcitori d’acqua sono sistemi che rimuovono gli ioni calcio e magnesio che fanno sì che l’acqua sia considerata dura. Una volta che l’acqua è “ammorbidita”, non lascerà macchie sulle stoviglie e si spera che non dovrai mai più usare l’aceto in lavastoviglie.

Qui trovi altri consigli per rendere i tuoi piatti e bicchieri brillanti.