Perché dovresti assolutamente pulire l’apriscatole e come fare

Lavare l’apriscatole può fare molto per prevenire la diffusione dei batteri.

Non mancano nel tuo cassetto della cucina strumenti utili che cerchi sempre. Tutti tendono a essere trascurati quando pulisci. Ce n’è uno in particolare, però, che dovresti pulire frequentemente.

Se non hai pulito regolarmente il tuo apriscatole, potrebbe ospitare qualsiasi cosa, da muffe a batteri.

Poiché i rifiuti alimentari possono entrare in contatto con gli ingranaggi e la lama, possono rimanere lì e trasformarsi in germi e batteri pericolosi secondo uno studio del 2013 di NSF International.

Come si lava un apriscatole?

Se hai un apriscatole lavabile in lavastoviglie, è semplice, mettilo in lavastoviglie ed esegui consueto ciclo di lavaggio. Se, tuttavia, non lo è, il processo di pulizia è ancora piuttosto semplice. Lava l’apriscatole con acqua tiepida e sapone prestando particolare attenzione alla zona intorno alle lame per garantire la rimozione dei residui. Quindi, risciacqua con acqua pulita e asciuga all’aria prima dell’uso.

Per quanto riguarda gli apriscatole elettrici, anche quelli devono essere puliti, ma in un modo un po’ diverso. Per prima cosa dovrai scollegare l’apriscatole dalla corrente. Quindi, pulire l’apertura con una spugna inumidita con acqua tiepida e sapone. Rimuovi il disco da taglio e il salvagente e immergerli in acqua calda e sapone. Mentre sono in ammollo, usa uno spazzolino da denti per rimuovere le particelle di cibo ostinate in uno spazio ristretto. Asciuga tutte le parti, rimonta e avrai un apriscatole pulito.