Come e quando annaffiare le piante

Il giardinaggio può essere un hobby complesso. Dopotutto, tecnicamente ti prendi cura degli esseri viventi. Se la malattia delle piante è una delle tue preoccupazioni, un semplice cambiamento nelle abitudini di irrigazione ti potrebbe aiutare.

Annaffiare direttamente il terreno e le radici delle piante può aiutare a ridurre il rischio di malattie delle piante.

Quando annaffiare le piante

Per prima cosa, dovresti annaffiare le piante alla mattina. In questo modo, dai all’acqua che si aggrappa alle foglie il tempo di evaporare. Lasciare acqua sul fogliame può effettivamente incoraggiare malattie come la peronospora, poiché prospera in ambienti umidi.

Come annaffiare le piante

L’altro metodo per prevenire malattie simili è bagnare solo il terreno della pianta e cercare di evitare le foglie. Il modo migliore per farlo è con un annaffiatoio o una gomma flessibile che ti permetta di immergere il terreno.

L’uso di una gomma o di un irrigatore per annaffiare dall’alto della pianta può portare a un’umidità eccessiva. Può quindi raccogliersi su foglie e steli. Mentre l’irrigazione precoce può aiutare a prevenire l’accumulo di acqua (poiché il sole può favorire l’evaporazione), accoppiandola con l’acqua concentrata sul terreno, puoi aggiungere un altro strato di protezione.

Se ti piacerebbe avere il miglior raccolto di pomodori di sempre quest’anno, potresti acquistare un nuovo annaffiatoio.