caffè proteico

Caffè proteico: cos’è

Indubbiamente, una delle tendenze sul tema del caffè è il “proffee”, ovvero il caffè arricchito di proteine.

Il caffè proteico si presenta nella sua forma più basilare come una miscela di polveri proteiche e caffè che si possono sciogliere in acqua per creare bevande frullate e rinfrescanti.

Caffè proteico: cos’è

Il “proffee”, conosciuto anche come caffè proteico, è una delle tendenze legate al caffè più popolari al momento.

Il caffè proteico consiste nell’aggiungere proteine al proprio caffè, che può essere espresso, solubile, moka o americano. L’abitudine di bere caffè con latte esiste da decenni, quindi l’idea di aggiungere proteine non è del tutto nuova. Tuttavia, con l’aumento dell’interesse per le proteine che si registra oggi, il caffè proteico diventa un’alternativa che può offrire benefici, come molte altre fonti proteiche alimentari.

Benefici

La combinazione di fonti naturali di caffeina con proteine del siero del latte può essere utile per ridurre la sensazione di fatica, migliorare le performance degli atleti e prolungare la durata dell’esercizio fisico.

Diversi studi hanno dimostrato che la caffeina agisce sul sistema nervoso centrale e può contribuire a diminuire la percezione dello sforzo fisico. Inoltre, la combinazione di caffeina e proteine del siero del latte può accelerare il metabolismo, aiutare a bruciare i grassi e favorire la perdita di peso.

Anche un semplice cappuccino può essere considerato una bevanda proteica grazie alla presenza di whey protein, una proteina di alta qualità facilmente digeribile che fornisce tutti gli aminoacidi essenziali e i BCAA.

Come aggiungere le proteine nel caffè

Non esiste una ricetta standard per preparare il proffee o caffè proteico, poiché l’aggiunta di proteine varia in base ai gusti e alle esigenze individuali. Si può mescolare il caffè con frullati proteici in polvere, che contengono fino a 30 grammi di proteine per contenitore monodose, oppure con polvere di proteine vegetali per infondere circa 20-25 grammi di proteine nel caffè.

In alternativa, si può aggiungere al caffè due misurini di collagene per fornire circa 11 grammi di proteine, oppure latte o bevande vegetali ad alto contenuto proteico, come quella d’avena, di soia o di legumi, che offrono 8 grammi di proteine per 200 ml. Il collagene non ha sapore né aroma, mentre le bevande vegetali non aromatizzate e zuccherate sono abbastanza neutre, ma entrambi conferiscono una consistenza ricca al caffè, molto simile alla panna.

Per preparare un caffè proteico equilibrato, si può unire il caffè con frutta congelata, polvere di proteine vegetali, burro di noci e una spezia come la cannella o lo zenzero. Questa combinazione permette di gustare il caffè, completare il fabbisogno proteico e beneficiare dei nutrienti e degli antiossidanti presenti nei cibi vegetali.

Rapporti nutrizionali e dosi quotidiane

Per seguire la tendenza del caffè proteico è importante conoscere il ruolo delle proteine e il fabbisogno giornaliero. Le proteine hanno il compito di fornire aminoacidi, i mattoni delle proteine, per il mantenimento, la riparazione e la guarigione dei tessuti del corpo, tra cui muscoli, enzimi, ormoni, cellule immunitarie, pelle e capelli.

Il fabbisogno proteico aumenta se si pratica attività fisica. Per le persone più attive, l’assunzione giornaliera ideale di proteine varia da 1,2 a 2 grammi per chilogrammo di peso corporeo. La quantità inferiore è indicata per esercizi cardio, mentre quella superiore è riservata a chi pratica programmi di forza o allenamenti ad alta intensità che richiedono un maggiore carico muscolare.

Per ogni pasto, si consiglia di assumere da 0,25 a 0,40 grammi di proteine per chilogrammo di peso corporeo, per un totale di 4 o 5 volte al giorno. Per esempio, una persona di circa 70 chilogrammi dovrebbe consumare tra i 17 e i 27 grammi di proteine a colazione. L’ideale sarebbe bilanciare l’apporto proteico con gli altri macronutrienti necessari al corpo, come grassi e carboidrati. Infatti, un consumo adeguato di proteine senza sufficienti grassi o carboidrati può far bruciare le proteine assunte per avere energia, impedendo che vengano utilizzate per la riparazione cellulare.

A colazione, si consiglia un’assunzione ideale di circa 20 grammi di proteine. È importante bilanciare le fonti proteiche dei cibi a colazione. Ad esempio, se si beve un caffè proteico preparato con un frullato pronto da bere che contiene 20 grammi di proteine per porzione, non è necessario aggiungere altre fonti proteiche come uova o yogurt greco. Al contrario, se il proffee è preparato con un alimento o una bevanda meno ricchi di proteine, come la polvere di collagene o il latte di legumi, si può incrementare l’apporto proteico del pasto.

Proteine di qualità

Per arricchire il caffè con proteine, è essenziale controllare attentamente l’elenco degli ingredienti per evitare l’aggiunta di dolcificanti artificiali, coloranti, aromi, conservanti o eccesso di zucchero. Questo vale per qualsiasi alimento, ma diventa ancora più importante nel caso del caffè proteico, dove è necessario valutare attentamente la composizione nutrizionale dei latti proteici, delle polveri, delle creme e dei frullati pronti.

In qualità di affiliati Amazon, riceviamo un guadagno dagli acquisti idonei effettuati tramite i link presenti sul nostro sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2022 - 2024 Talki.blog | Sito in aggiornamento.