cracker

Dai salatini ai graham crackers, (biscotti al miele) c’è una cosa che quasi tutti i cracker hanno in comune: i buchi. Alcuni hanno una moltitudine di piccoli puntini mentre altri ne hanno solo uno, e non sono decorativi.

A quanto pare, i cracker hanno dei buchi per un motivo, ed è tutta una questione di cottura.

La maggior parte dei cracker sono realizzati con pasta idrata, una miscela in cui gli ingredienti liquidi pesano più di quelli secchi. Di conseguenza, l’impasto cuoce a vapore durante la cottura. Con il pane, questo crea sacche d’aria mentre il pane lievita . I cracker, tuttavia, non dovrebbero lievitare. È qui che entrano in gioco quei buchi.

Affinché i cracker cuociano croccanti e non lievitino, il vapore deve essere rilasciato. I buchi vengono praticati in un processo chiamato attracco e quindi il vapore può fuoriuscire. Inoltre, i fori aiutano a tenere insieme gli strati durante il processo di cottura.

Sì, il numero di buchi è importante. I cracker più piccoli hanno bisogno di un solo foro, ma i cracker più grandi potrebbero aver bisogno di quattro o più. Inoltre devono essere posizionati correttamente per evitare che il cracker diventi secco e gommoso. È tutto un processo molto preciso e la maggior parte dei marchi dispone di sistemi automatizzati che li aiutano a determinare esattamente dove e di quanti fori ha bisogno ogni cracker.

Chi sapeva che la cottura dei cracker potesse essere così complicata?

Ora, quando prendi nel tuo armadietto dei cracker da abbinare al tuo tagliere di salumi per un aperitivo, saprai che in quello spuntino c’è molta scienza e precisione.