frangipane fiore

Il frangipane è un fiore dai significati simbolici profondi e affascinanti. Conosciuto per la sua bellezza e il suo profumo avvolgente, il frangipane ha radici culturali che spaziano da antiche leggende a tradizioni religiose.

In questo articolo esploreremo il significato e la simbologia di questo fiore affascinante, scoprendo le diverse interpretazioni che si sono susseguite nel corso dei secoli.

Dal suo legame con l’amore e la passione, alla sua presenza in diverse culture e tradizioni, il frangipane è un fiore che continua ad intrigare e ispirare.

Frangipane: storia e significato

Il frangipane, appartenente al genere Plumeria, ha le sue origini nell’America tropicale. Le diverse specie vengono coltivate per scopi ornamentali e si sono diffuse anche in Italia, Grecia, Australia, Hawaii e in alcuni Paesi dell’Asia.

Il termine Plumeria è stato coniato in onore del botanico francese Charles Plumier, che esplorò le Antille francesi nel tardo 1600 e descrisse le caratteristiche di questa pianta.

Frangipane, invece, prende il nome dal nobile italiano Muzio Frangipani, che nel XII secolo creò un profumo simile all’odore del fiore di Plumeria per mascherare il caratteristico odore di cuoio delle scarpe e dei guanti.

Secondo alcune leggende, il nome frangipane potrebbe anche derivare da un tipo di marzapane utilizzato nella pasticceria francese a causa del suo profumo simile a quello del fiore.

Significato

Il frangipane simboleggia la bellezza, la semplicità e l’amore romantico. In alcune culture, rappresenta anche il legame con il mondo degli spiriti e dei cari defunti. Nelle isole Hawaii, viene utilizzato per creare ghirlande che vengono regalate ai turisti come segno di benvenuto e amicizia.

In Asia, simboleggia l’immortalità, la buona fortuna, la pace e la rinascita, grazie alla sua capacità di fiorire anche dopo essere stato tagliato.

Nelle Maldive, il frangipane è considerato sacro e viene chiamato “pianta del tempio” perché spesso si trova vicino ai templi e alle moschee.

Frangipane fiore: simbolo di Bali e Palermo

Il frangipane rappresenta l’isola di Bali, in Indonesia ed è spesso utilizzato per decorare i cestini delle offerte agli dei. Durante le preghiere è comune vederlo indossato dalle donne, appoggiato sopra un orecchio.

Il frangipane si diffuse in Sicilia a partire dal 1822, forse grazie agli scambi commerciali con i Paesi esotici. Le donne nobili portavano spesso bouquet di questi fiori, rendendoli ambiti da tutte le abitanti di Palermo come simbolo di ricchezza e bellezza. Col tempo, molte persone iniziarono a coltivare la pianta sui propri balconi e terrazze, evitando però di tenerla in casa. Si credeva infatti che la presenza della pianta in casa avrebbe impedito alle figlie femmine di trovare l’amore della propria vita. Oggi i frangipani continuano ad abbellire i balconi della città e di molte altre aree in Sicilia.

Coltivazione e cura

Il frangipane è una pianta esotica adatta alla coltivazione nelle aree del nostro Paese caratterizzate da un clima caldo, anche se in piena terra. Tuttavia, nelle aree con inverni freddi, è consigliabile coltivare la pianta in vaso in modo da poterla spostare in un luogo riparato quando le temperature scendono o si prevedono gelate notturne.

È importante sottolineare che il frangipane non è adatto alla coltivazione in appartamento, poiché il clima caldo e secco degli ambienti domestici potrebbe causarne la morte. Pertanto, è consigliabile tenerlo all’aperto durante la primavera ed estate, o comunque nei periodi in cui il clima è mite.

Conclusioni

Il significato del fiore frangipane è ricco di simbolismo e tradizione in diverse culture. La sua bellezza e il suo profumo delicato lo rendono un fiore amato e apprezzato in tutto il mondo. Che sia associato all’amore, alla spiritualità o alla bellezza, il frangipane continua a ispirare e ad essere un simbolo di significato profondo per molte persone.